E’ lucchese lo scienziato che ha dato ragione ad Einstein

LUCCA - E' nato a Lucca lo scienziato che lo scorso 11 febbraio ha annunciato al mondo l'effettiva esistenza delle onde gravitazionali. Si chiama Albert Lazzarini, ha 64 anni, ed è il vice direttore del Ligo, la struttura statunitense che da oltre vent'anni inseguiva questo obiettivo.

- 1

Nessuno sapeva delle sue origini lucchesi perchè Lazzarini non ha più parenti a Lucca, anche se in Italia ha ancora una zia a Pisa e una a Savona. Lo conosce bene però un amico di famiglia, Michele Simi, ex atleta della Virtus, che sabato scorso avrebbe voluto comunicare al sindaco Tambellini la bella notizia. In Comune però gli hanno detto di ripassare e di prendere un appuntamento e allora Simi ha chiamato la nostra emittente.

Albert o Alberto Lazzarini, che la scorsa settimana ha annunciato al mondo la conferma dell’ultima teoria di Einstein ancora non dimostrata, è nato nel 1952 a Lucca ed ha vissuto i suoi primi anni in via Salicchi. Suo padre Sandro lavorava alla Cantoni e nel ’57 decise di emigrare in America in cerca di fortuna.

Albert è cresciuto negli Stati Uniti ed ha iniziato un percorso che lo ha portato alle vette degli studi scientifici. Conteso dalle università di tutto il mondo (ha insegnato a Boston, in Colorado e in Germania) lavora attualmente al California Institute Of Technology a Pasadena.

E’ profondamente legato alle sue origini italiane, tanto che ha insegnato a tutti e quattro i suoi figli a parlare nella nostra lingua.

Lo abbiamo contattato e ci ha detto di non scrivere esagerazioni. Il suo nome però rimarrà nella storia della scienza. E lui stesso ha spiegato in un’intervista la scorsa settimana la motivazione che lo ha portato ad essere tra i protagonisti di questa scoperta.

 

 

Commenti

1

  1. ,roberto della santina


    Alberto Lazzarini, è un caso a parte essendo emigrato negli USA, in tenera età.
    Ma veniamo alla recente polemica di una ricercatrice italiana con la” nostra ministra”, i nostri, validi cervelli, sono costretti ad andare all’estero, per le carenze che abbiamo in Italia a livello di studio e formazione, e dovremmo fare un piano a lunga scadenza perchè non accada questo flusso migratorio di menti eccelse, noi italiani non siamo solo “mangia spaghetti”, i fatti lo dimostrano.

Lascia un commento