Lopez ha le idee chiare, ma occhio alla Pistoiese

CALCIO LEGA PRO - Derby importante per la Lucchese che sabato (ore 15) riceve al Porta Elisa la Pistoiese di Max Alvini. Lopez torna al modulo tattico 4-3-1-2. Ma al di là dei numeri ci vorrà una Lucchese determinata e cattiva al punto giusto per cogliere una vittoria che avrebbe valore doppio.

-

18_2_16_ Lucchese

Gira e rigira il buon Lopez mischia le carte ma in cuor suo le scelte le ha già fatte. Più arduo per il vostro umile cronista capirne fino in fondo le intenzioni anche se gli uomini alla fine saranno quelli: 12 che si giocano 11 posti. Arriva la Pistoiese e l’allenamento dell’antiviglia viene svolto sul prato ancora fradicio di pioggia dell’Acquedotto, ma il problema degli impianti avrebbe bisogno di altre riflessioni. Riscaldamento ed esercitazioni tattiche a rifinire e a completare in ogni dettaglio il lavoro settimanale. Arriva la Pistoiese di Max Alvini  che ha due punti in meno della Lucchese e che rimane ai margini della zona a rischio: il Rimini è appena un punto sotto. Chiaro che la posta in palio comincia a farsi pesante, ancorchè non decisiva. Lopez lo sa e si rende pure conto che la squadra dovrà rispondere presente, in tutti i sensi.

Si torna al 4-3-1-2 con l’unico dubbio Altobello-Lorenzini in difesa. Per il resto Mengoni sarà ancora tra i pali; Benevenga e Ashong i due esterni; Espeche difensore centrale; Monacizzo, Botta e il rientrante Nolè in mediana mentre il trio d’attacco sarà formato da Terrani a supporto di Maritato e Terrani. Annotazione finale che ci suggerisce come la Lucchese nel 2016 non abbia ancora vinto al Porta Elisa. L’ultimo successo dei rossoneri di fronte al proprio pubblico risale infatti al 19 dicembre scorso quando si sbarazzarono con un secco 3 a 1 sull’Aquila. Quel tardo pomeriggio di un sabato prenatalizio fu illuminato dalle reti di Fanucchi, Benvenga e Terrani. Purtroppo quella Lucchese non si è più vista, quasi fosse rimasta prigioniera del vecchio anno.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento