Viareggio, il Carnevale si tinge di arcobaleno

VIAREGGIO - Dopo la pioggia della mattina stavolta il meteo fa strada a Burlamacco e il secondo corso del Carnevale può partire senza grossi patemi d'animo (alla fine l'incasso è stato di 180mila euro).

-

Si sfila nel giorno di San Valentino e alla vigilia di una settimana decisiva per la nuova legge sulle unioni civili. Al motto di “San Valentino per tutti” il Carnevale fa la sua scelta di campo. Un grande striscione arcobaleno precede il primo carro mascherato, “Male nostrum” di Borri e Politi. E a dare il via al corso da piazza Mazzini è proprio Monica Cirinnà, la senatrice prima firmataria del disegno di legge sulle unioni civili.

Dopo il corso a metà di domenica, stavolta scendono sui viali a mare anche le mascherate di gruppo, quelle isolate e le pedane aggregative e il Carnevale va in scena nella sua pienezza e con tutti i suoi graffianti riferimenti satirici.

Ovviamente c’è il premier Renzi, e ci sono gli esponenti del suo governo e i protagonisti della politica italiana. Ma c’è anche la cancelliera Merkel, in una sorprendente rilettura della trasmissione condotta da Maria de Filippi. Spazio anche a per le elezioni presidenziali americane, con Hillary Clinton che cerca di domare l’asinello del Partito democratico e Donald Trump domato invece da uno zio Sam avido di denaro.

Per i carri di prima categoria era la seconda sfilata ed è stato il secondo esame per Barbarians, il carro di Fabrizio Galli che è stato decretato come il favorito alla vittoria finale dalla stampa e dagli esperti.

A metà sfilata il colpo d’occhio in piazza Mazzini parla di una buona affluenza di pubblico e spunta anche il sole, portato anche dal grande clown del carro “52 sfumature di Carnevale” di Massimo Breschi.

E al calare delle prime ombre si accendono le luci dei carri, che offrono così uno spettacolo ancora più affascinante alla folla che li sta seguendo dal vivo e sul piccolo schermo.

Adesso l’appuntamento è per domenica prossima, 21 febbraio con il terzo corso del Carnevale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento