Lucca, corteo di solidarietà per il ragazzo accoltellato

LUCCA - Una settantina di persone ha partecipato al corteo di solidarietà per Reda, il ragazzo accoltellato sulle mura lo scorso sabato. La manifestazione è stata promossa dalla famiglia del ragazzo.

- 4

Si sono dati appuntamento in piazzale Ricasoli, davanti alla stazione per far sentire la loro vicinanza a Reda, il ragazzo di 17 anni accoltellato la sera del 27 febbraio sopra Porta San Pietro. Da lì con un corteo silenzioso sono arrivati fino al castello di Porta San Pietro, luogo dell’aggressione. I familiari del ragazzo, gli amici, e i compagni di scuola hanno voluto così manifestare la loro solidarietà ma soprattutto chiedere che vengano presi provvedimenti più severi verso l’accoltellatore, un coetaneo del ragazzo che si è già reso protagonista di episodi violenti in passato e verso il quale è stata notificata una denuncia a piede libero per tentato omicidio ed il foglio di via dal comune di Lucca per tre anni. Troppo poco, secondo i familiari del giovane marocchino che si trova ancora in terapia intensiva all’ospedale San Luca.

Commenti

4


  1. Contro chi protestano se si accoltellano tra di loro?


  2. Solidarieta al. Ragazzo, ma ridicolo corteo, pienamente fuori luogo. Mi chiedo se chi lo ha organizzato, conosca un minimo di giurisprudenza italiana. Comunque, essendo un minorenne l aggressore, non si puo pensare che in italia sia sbattuto in galera, scordatevelo. Quindi vedo assolutamente inutile ogni forma di protesta. Questa e un idea personale. Auguro buona guarigione al ragazzo.


  3. Ma hai letto o sai fare solo il tipico ignorante italiano? Non c’è scritto PROTESTA ma CORTEO. In tutto l’articolo la parola “protesta” non é mai stata nominata.

Lascia un commento