“Lucca nella storia d’Italia”: il Comune seleziona un ricercatore

LUCCA - “Lucca nella storia d’Italia” è il titolo del progetto, ideato dal presidente del Consiglio comunale Matteo Garzella per analizzare come la nostra assemblea cittadina in 150 anni di attività ha risposto a sollecitazioni provenienti dall’esterno, riproducendo al suo interno discussioni intorno a grandi avvenimenti che hanno segnato la storia del nostro Paese.

-

luccaconsigliocomunale11111-1

A tale scopo è stato pubblicato un avviso di manifestazione di interesse per individuare persone cui affidare la realizzazione di una ricerca incentrata sui dibattiti effettuati in Consiglio comunale intorno a questioni di carattere nazionale collocabili tra il 1865 e i giorni nostri. Saranno inoltre analizzate le iniziative che sono state adottate a seguito dei dibattiti d’aula e la ricaduta che hanno avuto sul contesto cittadino (dibattiti sulla stampa locale, manifestazioni, iniziative pubbliche).
«Il Consiglio comunale è l’organo del Comune cui sono demandate le funzioni di indirizzo e controllo politico-amministrativo» – ha affermato il presidente Garzella – «i dibattiti consiliari, pertanto, attengono ad argomenti di carattere locale. In 150 anni di storia, però, è capitato, tanto in passato quanto più recentemente, che i componenti del Consiglio affrontassero questioni più generali, collegate a importanti avvenimenti di rilevanza nazionale. Lo scopo della ricerca è proprio quello di studiare la storia del Consiglio in una prospettiva nuova e fornire il resoconto di come la città, per mezzo del suo organo assembleare, seppe affrontare questioni fondamentali che hanno determinato la storia d’Italia».
La ricerca verrà raccolta in un libro che si aggiungerà ad altri volumi, alcuni già pubblicati e altri in fase di realizzazione, promossi dal presidente Garzella con lo scopo di riscoprire e valorizzare la storia dell’assemblea cittadina.
Possono partecipare alla manifestazione di interesse persone in possesso della laurea magistrale o specialistica in storia o equipollente con precedenti esperienze di collaborazione per la realizzazione di testi su argomenti riguardanti la storia d’Italia. Il compenso per effettuare la ricerca ammonta a 4.000 euro e il termine per rispondere all’avviso pubblico è il 9 maggio 2016. Ulteriori informazioni sono pubblicate sul sito del Comune.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento