Lucca, all’istituto comprensivo 6 un corso per insegnare ai docenti la lingua dei segni

LUCCA - L'Istituto Lucca 6 diventa punto di riferimento per l'introduzione della lingua dei segni nelle scuole. E' stato infatti presentato alla scuola media Chelini il progetto "Bilinguismo e inclusione" per insegnare ai docenti la la comunicazione con gli alunni sordi.

-

La prima tranche formativa di trenta ore, finanziata dalla Fondazione Banca del Monte, vedrà coinvolti 25 insegnanti

Come ha ricordato il dirigente scolastico Giovanni Testa, la sperimentazione nasce da un’esigenza concreta. Otto anni fa alla scuola dell’infanzia si iscrisse un alunno sordo e la famiglia, con il sostegno dell’Ente nazionale sordi e del Comune, intraprese una battaglia legale, anche con ricorsi al Tar, per ottenere dal Ministero la necessaria assistenza e poi la presenza di una docente di sostegno specializzata, Michela Ciucci, che seguisse il bambino durante le elementari.

Negli ultimi anni la presenza nell’istituto 6 di bambini sordi è ulteriormente aumentata e sulla scorta della precedente esperienza è nata l’idea di creare un polo di formazione che possa essere di riferimento per le altre scuole

Da settembre quindi, nell’istituto, in affiancamento agli studenti sordi saranno presenti figure specializzate come educatori sordi, assistenti alla comunicazione e docenti di sostegno segnanti.

Da segnalare che la scuola dell’infanzia dell’Arancio, che l’anno prossimo accoglierà un alunno sordo con sindrome di down, per garantire la completa inclusione dell’alunno ha deciso si iscrivere tutte le sezioni ai laboratori Lis. Ciò sarà possibile grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio.

 

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento