Il futuro del paese in una mostra

CAPANNORI - E' stata inaugurata stamani nell'atrio della sede comunale la mostra dei 35 progetti che hanno partecipato al concorso di idee 'Capannori Città-una comunità, quaranta paesi' promosso dall'amministrazione Menesini per riqualificare le frazioni centrali del territorio.

-

MOSTRA

Presenti al taglio del nastro l’assessora all’urbanistica, Silvia Amadei, l’assessora Lia Miccichè, la capogruppo del Pd Silvana Pisani e la consigliera comunale Gabriella Giusfredi componente della commissione consiliare urbanistica.L’esposizione è una delle tappe con cui l’amministrazione comunale vuole condividere con lacomunità le idee progettuali scaturite dal concorso per la creazione della città di Capannori in modo che prosegua la partecipazione dei cittadini al percorso intrapreso per dare un nuovo volto a Capannori. La prossima tappa è in programma mercoledì 15 giugno alle ore 21, quando, sempre nell’atrio della sede comunale, si terrà la presentazione e la premiazione dei tre progetti che hanno vinto il concorso di idee. La serata si aprirà con il saluto del sindaco Luca Menesini e vedrà un’introduzione a cura del presidente della commissione del concorso di idee Silvia Viviani. Seguirà la presentazione dei progetti. Al primo posto si è classificato il progetto Capannorisvelata. Una terra sociale, un’attitudine naturale, un percorso per il futuro” realizzato da una squadra di quattordici professionisti capitanati da Nicola Boccaccini che si aggiudica il premio di 9.000 euro; al secondo posto il progetto “Noi cambiamo rotta” della squadra di tredici professionisti il cui capogruppo è Andrea Perelli, e che conquista il premio di 6.000 euro. Al terzo posto, infine, il progetto “The Social City, una città da coltivare” del team di diciotto professionisti guidati da Alessandro Tolaini, che ha ottenuto il premio di 3.000 euro. La mostra resterà aperta fino al 15 luglio nell’orario di apertura della sede comunale: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19 ed il sabato dalle 9 alle 15.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento