Al via Barga Jazz 2016

BARGA - Una settimana di musica e divertimento sotto il segno del jazz. Ecco i semplici e collaudati ingredienti di Barga Jazz, manifestazione giunta in questo 2016 al 30° anno di vita.

-

 

Tante le novità in programma, a partire dall’inaugurazione avvenuta domenica: le vie e le piazze del castello sono state letteralmente invase dai musicisti. Un vero e proprio invito a scoprire gli angoli più suggestivi della cittadina con un percorso a ritmo di jazz. Il Barga Jazz festival continua fino al 27 di agosto con concerti, seminari e masterclass.

Il 23 di agosto al Teatro dei Differenti Bruno Tommaso presenterà il suo inedito progetto “The Warrior From Capestrano” con un ensemble composto da Fabrizio Desideri al clarinetto, Moraldo Marcheschi al sax tenore, Rossano Emili al sax baritono, Alessio Bianchi alla tromba, Nicolao Valiensi al trombone, Luca Giovacchini alla chitarra, Mirco Capecchi al contrabbasso, Daniele Paoletti alla batteria e lo stesso Tommaso al pianoforte.

Mercoledì 24 agosto nel suggestivo chiostro di S. Elisabetta si esibirà il quartetto di saxofoni Arundo Donax con Pietro Tonolo, Mario Raja, Rossano Emili e Pasquale Laino. Il 25 di agosto al Teatro dei Differenti Franco D’Andrea terrà un concerto per piano solo mentre le serate del 26 e 27 saranno dedicate al Concorso Internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz con la BargaJazz Orchestra diretta da Mario Raja.

Nei pomeriggi del 25 e 27 agosto si svolgeranno alla biblioteca comunale due seminari sulla storia della musica jazz. Il primo a cura di Francesco Martinelli dal titolo “Ottantotto tamburi intonati” sulla storia del pianoforte nel jazz, il secondo a cura di Luca Bragalini sarà incentrato sulla nascita stessa del jazz: “I blues di Giuseppe Verdi e le arie del buon vecchio Satchmo”

Dal 20 al 27 agosto sarà allestita presso la Galleria Comunale la mostra “30 anni di jazz a Barga”.

Previste anche le consuete jam session “Enojazz” presso Shamrock pub nelle serate del 25, 26 e 27 agosto.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento