Il Boccabugia, 45 anni di poesie e tradizione

VERGEMOLI - 45 anni fa nacque quasi per gioco. In una domenica di agosto alcuni amici si ritrovarono davanti alla chiesa di Vergemoli e improvvisarono delle poesie, all'epoca rigorosamente in ottava rima. Sono queste le origini del concorso di poesia in estemporanea il “Boccabugia” (letteralmente bocca priva di denti), soprannome di Iacopo Vanni, noto poeta di Vergemoli.

-

Da alcuni anni l’amministrazione comunale ha realizzato un anfiteatro naturale, poco fuori dal centro storico, all’ombra dei castagni, dove decine di poeti elaborano in estemporanea poesie in rima e non. Quest’anno sono stati più di 20 i partecipanti. La vittoria è andata a Tiziana Lunardi che nei suoi versi ha affrontato in forma critica temi di politica nazionale. Da alcuni anni ospite fisso della manifestazione e oggi anche cittadino onorario del comune di Fabbriche di Vergemoli è l’attore e conduttore Paolo Ruffini.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento