La musica di Puccini “ponte” tra Italia e Giappone

TORRE DEL LAGO - In occasione dell’ultima rappresentazione della Madama Butterfly, capolavoro immortale del Maestro Puccini, nel cartellone del 62° Festival Puccini, domani si rinnoverà la volontà di consolidare le relazioni culturali con il Giappone. L’occasione è anche l’anniversario dei 150 anni di relazioni tra Italia e Giappone avviate con la stipula del Trattato di Amicizia e di Commercio, avvenuta il 25 agosto 1866.

-

foto umicini tdl festival pucciniano 2016  butterfly

Alla presenza alla presenza di S.E. l’ambasciatore del Giappone Kazuyoshi Umemoto, del Prefetto di Lucca Giovanna Cagliostro, di Simonetta Puccini del presidente della Fondazione Italia Giappone Umberto Vattani, di numerose autorità italiane tra cui l’onorevole Stefano Dambruoso ed autorità giapponesi oltre a rappresentanti del mondo dell’imprenditoria alle ore 20.30 si svolgerà la cerimonia di scoprimento di una targa collocata nel foyer del teatro a memoria di questo anniversario.
Nell’intervallo dell’opera si svolgerà poi la cerimonia Toro Nagashi, fortemente voluta dal consigliere Umberto Donati , gran cerimoniere e da sempre fautore di progetti tra la Fondazione Festival Pucciniano e le istituzioni giapponesi, durante la quale saranno liberate lanterne sull’acqua del lago in memoria del bombardamento atomico su Hiroshima e Nagasaki.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento