Gesam Le Mura prima fatica ma poi dilaga; 65 a 48 su Vigarano

BASKET A1 DONNE - Il Gesam Le Mura Lucca apre con una vittoria il suo campionato battendo 65 a 48 un tenace e battagliero Vigarano. Gara complicata per le biancorosse di coach Diamanti che stentano fino all'intervallo lungo ma poi risolvono il match nel finale. Crippa e Harmon le migliori in campo. Domenica insidiosa trasferta a Napoli.

-

 

L’importante era partire bene, con una vittoria, senza deludere il proprio pubblico. E così è stato. Il Gesam Le Mura chiude con un franco successo l’Opening Day 2016 che per la prima volta si è svolto al Palatagliate di Lucca. Alle biancorosse di coach Diamanti spettava il compito di porre il sigillo su una due giorni di grande basket, col gotha del movimento nazionale sceso a Lucca. Sulla testa e nella mente della squadra lucchese anche il compito di dover rispondere alle altre grandi che tutte, più o meno in modo convincente, avevano già fatto il loro dovere incamerando i primi due punti della stagione. Eccezion fatta per la Dike Napoli cui curiosamente Lucca renderà visita domenica prossima all’ombra del Vesuvio.

Partono fortissimo le ospiti del Vigarano, con Littles e le triple di Crudo e Orrange. Lucca resta in scia grazie alle mani di una superba Harmon, ma sono le ospiti a chiudere in vantaggio il primo quarto, un divario che non muta nel secondo minitempo. Si va all’intervallo lungo sul 29 a 32.  Dotto prova a ricucire, Littles riporta le sue sul +8, poi Wojta e Harmon confezionano la rimonta. Preoccupazione ? Un pochino. Nella ripresa Gesam subito determinata, soprattutto in difesa (solo 6 punti concessi) e grazie alle triple del capitano Crippa e di Battisodo, per un 47-38 a dieci dalla fine. Nell’ultima frazione è ancora la squadra lucchese a tenere il pallino del gioco ed andare a segno con Wojta, Harmon, Crippa e Tognalini, per uno score finale di 65-48, per il tripudio del PalaTagliate. In classifica Lucca raggiunge in vetta a due punti Schio, Ragusa, Venezia, San Martino e Broni. Per ora va bene così.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.