Chiusura in grande stile per Lucca Comics and Games 2016

LUCCA - Tanti ospiti, incontri e circa 35.000 biglietti venduti nell'ultimo giorno di festival. Tra gli eventi più partecipati l'incontro in San Giovanni tra Milo Manara e Francesco Guccini, grande appassionato di fumetti.

-

 

L’ultimo giorno, storicamente, è sempre trascorso in sordina… ma non quest’anno. E’ stata una chiusura in grande stile quella di Lucca Comics and Games 2016. Partiamo dai numeri: circa 35.000 biglietti venduti, più del primo giorno, che hanno portato a 268.000 il totale dei cinque giorni per il record storico assoluto del festival. Per le strade e le piazze del centro storico, però, le presenze effettive sono state almeno 50.000, anche per il giorno di chiusura. Nei padiglioni e nelle varie location tanti appuntamenti sotto il segno del fumetto, del gioco e dell’illustrazione.

La Cavallerizza anche quest’anno si è trasformata nel campo base tutto dedicato a League of Legends, uno dei videogiochi online più amati e giocati nel mondo. A pochi passi, nel padiglione San Donato, lo stand allestito dal Polo Tecnologico Lucchese che per il secondo anno consecutivo ha dato la possibilità ad alcune start-up di mostrare i loro progetti dedicati al videogioco al pubblico e agli addetti ai lavori di Lucca Comics and Games.

Tantissimi, anche in questo quinto giorno, gli ospiti e gli incontri d’eccezione. Come quello organizzato dalla rivista Linus nella chiesa  di San Giovanni tra due mostri sacri: uno della musica come Francesco Guccini, uno del disegno come Milo Manara. Entrambi legati dall’amore per il fumetto.

Tornando all’aperto, sul baluardo Santa Croce è andata in scena l’ultima giornata di eventi organizzati dall’Umbrella Italian Division, l’associazione dedicata al videogioco horror Resident Evil. Tra armi biologiche e zombie, uno spettacolo sempre favoloso. A pochi passi le sfide organizzate dall’associazione italiana giochi tattici.

Dopo cinque giorni intensi, sempre baciati da un sole primaverile, cala il sipario su Lucca Comics and Games 2016. E dopo aver festeggiato i suoi primi splendidi 50 anni, il festival è pronto a nuove sfide.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.