Photolux e World Press Photo, il festival nel festival

LUCCA - Le sale di Palazzo Ducale ospiteranno da sabato 19 fino a domenica 11 dicembre, le mostre del World Press Photo, dei premi Leica Barnak e Manuel Ortiz e l'anteprima nazionale delle foto francesi della grande fotografa americana Vivian Meier, organizzate dal Photolux Festival che da quest'anno fa parte del Festival of Light.

-

Lucca torna ad essere punto di riferimento per la fotografia internazionale. Nonostante questo sia l’anno pari della biennale Photolux, l’organizzazione del festival è riuscita a far crescere gli appuntamenti legati alla grande fotografia, iniziando con l’esposizione dei lavori vincitori del World Press Photo, il più importante premio di fotogiornalismo internazionale alla quale, nel corso degli anni, si sono affiancati una serie di eventi e collaborazioni che sono sfociati nell’edizione di quest’anno, che vede le sale monumentali di Palazzo Ducale ospitare, oltre al World Press Photo, i progetti finalisti di due importanti concorsi: il Leica Oskar Barnack award – organizzato da Laica per raccontare l’interazione tra uomo e ambiente – e il Manuel Rivera-Ortis Photography Grant, della fondazione omonima. Ma il fiore all’occhiello di questo vero e proprio festival nel festival – che si aprirà sabato 19 per chiudersi l’11 dicembre –  è la mostra dedicata alle foto francesi della grande fotografa americana Vivian Maier, punto di riferimento della fstreet photography mondiale. La mostra, in anteprima nazionale, raccoglie 63 scatti molti dei quali inediti e realizzati dall’artista nella regione francese di Champsaur, di cui era originaria la madre, accanto a questi, una selezione dei più celebri scatti del periodo newyorkese, tra cui alcuni celebri autoritratti.

 

Ma la notizia forse più importante per Lucca e per il Photolux, è sicuramente l’ammissione del festival nel network denominato Festival of Light e che riunisce le manifestazioni più importanti a livello internazionale legate la mondo della fotografia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.