Nel Pd nessuno sfida Tambellini; Marcucci: “Tagliasacchi? Spero rispetti il suo mandato”

LUCCA - Elezioni amministrative: al momento nessuno starebbe raccogliendo firme per presentarsi alle primarie Pd per la candidatura a sindaco. Marcucci: "Tagliasacchi? Mi auguro che rispetti il mandato datogli dai suoi elettori e rimanga a Castelnuovo".

-

Nel Pd di Lucca è iniziato il conto alla rovescia verso le possibili primarie per la definizione della candidatura a sindaco. Chi avesse intenzione di sfidare il sindaco Tambellini ha tempo infatti fino al 16 gennaio per presentare candidatura e firme a sostegno. Ma  Tambellini ha anche fatto chiaramente capire che lui le primarie non le vuole fare. E d’altra parte al momento sembra che nessuno abbia intenzione di presentarsi. Insomma, per evitare una rottura definitiva all’interno del partito, si starebbe concretizzando la ricandidatura del sindaco uscente senza passare da voto. Per il senatore Andrea Marcucci l’importante è che in un momento così delicato tutti seguano le regole che il partito si è dato. “Ho apprezzato la richiesta formale di ricandidatura avanzata al partito da Tambellini – ha detto il senatore – adesso se ci sono sfidanti faremo le primarie, sennò il candidato sarà lui”.

E Marcucci chiede il rispetto delle regole anche a Matteo Garzella, il presidente del consiglio comunale, che nei giorni scorsi ha annunciato la propria candidatura. “Se vuole candidarsi, allora lavori per fare le primarie” ha detto Marcucci.

Infine, la possibile candidatura a sindaco di Lucca di Andrea Tagliasacchi, attuale primo cittadino di Castelnuovo, che potrebbe ambire a raccogliere voti sia tra i progressisti che tra i moderati. Secondo Marcucci l’ex presidente della Provincia dovrebbe rispettare il mandato che gli è stato accordato dagli elettori e rimanere quindi a Castelnuovo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento