Omicidio Canozzi, arrivata l’ultima condanna

MINUCCIANO - Dopo quattro anni giustizia è fatta, anche se nessuno potrà mai cancellare il dolore dei familiari di Ugo Canozzi. Con il rito abbreviato celebrato al tribunale di Lucca nei confronti del terzo e ultimo imputato si è chiusa la fase processuale per l'omicidio dell'ex poliziotto trovato morto nella sua abitazione di Castagnola il 15 gennaio 2013.

-

 

Il gup ha condannato a 16 anni e 8 mesi di reclusione per omicidio volontario e furto Florind Marini, il 26 anni albanese che insieme al cugino Lorenc Marini e all’amico Besnik Mestushi si introdusse nella casa di Canozzi per rubare e dopo essere stati scoperti lo uccisero soffocandolo con un cuscino. Un omicidio non previsto, ma ugualmente terribile visto che i tre, dopo aver portato via soldi e preziosi, fuggirono lasciando esanime, legato al letto. In precedenza Lorenc Marini, 28 anni, era stato condannato in primo grado e in Appello a 28 anni di reclusione mentre Besnik Metushi, 26 anni, considerato il palo della banda, rimasto fuori in macchina all’interno di un parcheggio, era stato e condannato in primo grado e in Appello a 11 anni di reclusione. “Chiedo scusa ai familiari” ha detto Florind Marini prima della lettura della sentenza, ma il perdono – hanno detto i familiari della vittima – non arriverà mai.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento