Via Ingrillini, ecco come cambia la viabilità con il sottopasso

LUCCA - E' iniziato il conto alla rovescia in vista dell'apertura del sottopasso di via Ingrillini. E l'assessore Marchini ha annunciato i cambiamenti alla viabilità che accompagneranno il nuovo assetto del traffico nella zona.

- 9

L’obiettivo principale del Comune è quello di limitare l’arrivo dei mezzi in uscita dal sottopasso fino all’incrocio con via di Tiglio, per evitare code in corrispondenza del passaggio a livello. Per questo Marchini ha annunciato due viabilità alternative.

La prima è per gli automobilisti che vogliono dirigersi verso Lucca. Il percorso studiato dal’assessore prevede, una volta usciti dal sottopasso, la svolta a destra in via degli Alpini e poi ancora a destra in via San Filippo, che proseguirà per un nuovo tratto passando sopra il sottopasso, a fianco della ferrovia per congiungersi poi con via dei Macelli. Una sorta di svincolo che porterà le auto sulla circonvallazione, in via Cantore, ma che dovrà fare i conti con il passaggio a livello in via dei Macelli. Da aggiungere che, in direzione Lucca, l’alternativa di via per Corte Landucci non ci sarà più perchè sarà invertito il senso di marcia.

Per chi invece dal sottopasso vuole dirigersi verso Capannori, il percorso indicato è quello di via della Chiesa di San Filippo, che sarà riaperta per permettere la svolta su via Martini e successivamente su via di Tiglio.

Questi due percorsi non sono ovviamente obbligatori. Chi vuole, dal sottopasso potrà comunque proseguire su via Ingrillini fino a via di Tiglio.

Marchini ha anche confermato che il sottopasso non potrà essere percorso da autotreni e autoarticolati. Sarà comunque transitabile per i mezzi fino a 4 metri di altezza.

Commenti

9


  1. Bella prospettiva per chi come me abita in Via della Chiesa o anche in Via degli Alpini per andare in direzione sottopasso via ingrillini dovrò svoltare in via martini …poi con il traffico caotico cercare di entrare su via di tiglio …per poi tornare in via ingrillini…complimenti a chi ha studiato il percorso…


  2. Bravi,sarete contenti che non possono passare i tir dal sottopasso,l’importante è che paghino le tasse per servire i cittadini e togliersi di mezzo
    Ma lo volete il panettone al supermercato e la benzina nella macchina per andare a giro a fare spese,sempre che i negozi abbiano le cose che volete… magari la prossima volta si pensi anche a fare la viabilità per gli indesiderati,dato che sono indispensabili se ci si pensa bene
    Che vergogna !tanti soldi spesi per una cosa a metà


  3. Cara chiara sono tutti fenonemi cosi ti costringono ad andare piedi


  4. pretendere di far passare il traffico pesante da via Ingrillini (e quindi via di Tiglio) è da incoscienti.
    Giusto cosi!


    • Bravo, infatti da S.Concordio danno noia, Via di Carraia danno noia, Via di Tiglio danno noia,circonvallazione intralciano il traffico…. Io proporrei un trasporto merci via aerea, con lancio della merce a destinazione…. che ti pare?
      Ma il panettone lo hai comprato? Lo ha portato Babbo Natale all’Esselunga lo sapevi?
      Ti ricordo che la maggior parte dei supermercati e negozi si trovano in quelle zone, per non parlare delle stazioni di servizio in Via Ingrillini e Via di Tiglio, chi li rifornisce?
      La meglio sarebbe una viabilità alternativa e più salutare per tutti, sono d’accordo con voi ma se non fanno le strade che si deve fare?


      • Rispondo a Chiara, non ho letto gli altri commenti,,, comunque non posso che dare ragione alla sig.ra Chiara,,, tutti vogliono le banane fresche al supermarket alle 8.00 del mattino , ma il camion che le porta deve transitare da un’ altra parte,,, si vuole il treno , si vuole la corrente elettrica , si pretende che l’ ambulanza arrivi subito a casa “” mia “” , ma danno noia le sirene quando vanno e vengono da casa di un altro,,,, I negozi devono essere sepreeee aperti , ma la mia figliola la domenica non deve lavorare,,, perché le figli degli altri chi sono ” prostitute” senza diritto,,,, Chiara ci si può scrivere una tesi universitaria sul menefreghismo e i prepotentismo italiano ,,,,, ciao

  5. Vicious Filthy Globalist


    Amministrare una città è un compito ingrato, impossibile accontentare tutti. Oltretutto la gente è intollerante al cambiamento e guai a chi stravolge loro le abitudini. È scandaloso che la gente si lamente di fare 1km in più in auto, sta gente è malata. Lo dico da automobilista incallito. Ben vengano i sensi unici, ad averne. Soprattutto in un epoca dove le dimensioni delle auto cresce, SUV, Crossover. Non siamo a Seoul dove le strade hanno 5 corsie!!!

    Sta gente è la stessa che entra contromano al mediaworld o nei vari sensi unici cittadini. Fra un po l’altro giorno dalla rabbia sarei sceso a dirgliene quattro a uno di questi. Senza parlare di chi guida col cell in mano, da galera diretti. Ma cristo santo, un supporto a ventosa per auto costa 19 eurooooo!!! 19!!!q


    • Ognuno deve fare il suo lavoro se si deve amministrare una azienda si deve saper fare la stessa cosa per una città
      Io mon sono contraria ai cambiamenti,anzi …
      Dico solo che si parla di sicurezza stradale e inquinamento poi si fa padsare un camion specialmente nelle ore di punta dalla circonvallazione o da via di tiglio perché sono vietate la via di carraia o via ingrillini ma fate due calcoli e vedete come farebbero prima e senza intralci al traffico delle auto


    • Per favore,almeno per il Sacro rispetto…CRISTO si scrive maiuscolo….grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.