E’ volata a tre per il titolo di campione d’inverno; Gesam Le Mura c’è

BASKET A1 DONNE - Due giornate alla fine del girone di andata con tre squadre in lizza per il platonico titolo di campione d'inverno. Lucca, Venezia e Schio con le biancorosse di coach Diamanti che possono sperare di passare le feste natalizie anche da sole in testa alla classiifca. Domenica trasferta da non sottovalutare ad Umbertide. Venezia rischia a Napoli.

-

 

E’ volata a tre per il titolo di campione d’inverno, pur sempre platonico ma che non è poi da buttare, nel massimo campionato di basket femminile. Lucca, Schio e Venezia citate in ordine alfabetico hanno infatti staccato di due lunghezze il San Martino di Lupari che tuttavia pare avere qualcosa in meno rispetto alle tre grandi. Chiaro che dopo nove giornate, e quando ne mancano solo due al giro di boa, Le Mura di coach Diamanti ha confermato che anche quest’anno sarà tra le protagoniste principali nell’assalto allo Schio pluricampione d’Italia e almeno da un lustro dominatore assoluto del basket femminile italiano. In tal senso la gara di domenica scorsa al Palatagliate, vinta nettamente e in modo autoritario da Crippa & C., ha dato la misura di una lotta pe lo scudetto forse più aperta di quanto si potesse intuire. Insomma, Schio rimane la squadra da battere ma sia Lucca che Venezia possono nutrire qualche speranza. In tal senso la decima di andata in programma domenica prossima offre lo spunto per ricordare la trasferta del Gesam Lucca ad Umbertide contro un avversario suila carta abbordabile, ma che non andrà sottovalutato anche perchè le umbre sono reduci e ringalluzzite dal blitz di Broni. Dunque molta attenzione per le lucchesi anche se la vittoria rimane largamente alla loro portata. Nessun problema per Schio che riceve il Borni mentre rischi maggiori li corre Venezia sul campo del Napoli. Considerando che domenica 18 ci saranno Lucca-S.Martino di Lupari e Venezia Schio, in casa Le Mura si accarezza la speranza di trascorrere il natale solitari al comando della classifica e da campione d’inverno.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.