Gesam Le Mura-Fixi Torino, atto terzo

BASKET A1 DONNE - Dopo la qualificazione alla final four di Coppa Italia, che si svolgerà a Venezia, il Gesam Le Mura si rituffa nel clima-campionato. Le biancorosse di coach Diamanti difendono il primato domenica (ore 18) nella delicata trasferta sul campo della Fixi Piramis Torino, ostico avversario pochi giorni fa proprio in Coppa Italia.

-

 

Dal Torino a…Torino. Dalla Coppa Italia al…campionato. E’ il terzo atto della lunga sfida stagionale tra il Gesam Gas Le Mura Lucca e la Fixi Piramis Torino che si rtirovano di fronte a distanza di soli sette giorni dalla partita combattuta e molto più incerta del previsto cui abbiamo assistito domenica scorsa al Palatagliate. Superare le piemontesi per accedere alla final four di Coppa Italia che (ora è ufficiale) si disputerà il 25 e 26 febbraio a Venezia, è stato complicato per Crippa & C. che invece avevano vinto in scioltezza nell’analoga gara di campionato. E’ quindi la terza volta che le due squadre si trovano di fronte e stavolta non ci sarà la tensione della gara secca anche se le biancorosse di coach Mirko Diamanti devono vincere anche per difendere il primato solitario in classifica.

Una graduatoria che in effetti vede Lucca veleggiare al comando con i suoi 24 punti, frutto tra l’altro di ben 11 vittorie comsecutive e di una imbatibilità ormai di oltre tre mesi. Ma come detto Schio e Venezia non mollano mentre le altre sono decisamente più staccate.

Tornando alla Coppa Italia, che assegnerà il primo trofeo stagionale, Le Mura se la vedrà in semifinale con Ragusa. Le siciliane, già battute nettamente (62-46) fuori casa il 23 ottobre scorso al Palaminardi, non sembrano lo squadrone delle annate precedenti ma rimangono pur sempre iinterlocutore ostico e da affronatre con la massima concentrazione. E poi sarà bene non dimenticare che proprio le biancoverdi siciliane sono le detentrici della Coppa Italia e che prima di cedere il passo lotteranno in modo strenuo. Ma questo Gesam ha le risorse oper regalarsi un’altra finale dopo quella sfortunata del 2014 contro Schio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.