Snai, per la Cisl sono stati violati gli accordi sugli ammortizzatori

PORCARI - Nel giorno dell'inizio dell'applicazione della cassa integrazione il segretario generale di FimCisl Toscana Nord Narcisa Pellegrini e' intervenuta con un comunicato dove spiega che non sono stati mantenuti gli accordi stipulati con i sindacati.

-

Nel giorno dell’inizio dell’applicazione della cassa integrazione per i dipendenti di Snai a Porcari, il segretario generale di FimCisl Toscana Nord Narcisa Pellegrini e’ intervenuta per spiegare che non sarebbero stati mantenuti gli accordi stipulati con i sindacati. Con l’inizio di luglio i lavoratori interessati hanno infatti ricevuto la comunicazione che avvia il periodo di ammortizzatore sociale. “Come organizzazione sindacale firmataria dell’accordo – si legge in un comunicato – la Fim Cisl ritiene però assolutamente inaccettabile e irricevibile che la procedura di “cassa integrazione” non sia stata oggetto di uno specifico e mirato accordo sindacale così come previsto dalle norme che regolamentano la materia, peraltro espressamente richiamato e previsto dal verbale d’accordo sottoscritto presso il ministero del lavoro il 26 maggio”. Per Narcisa Pellegrini il mancato accordo per la gestione, ha come unica certezza la mancanza di equità salariale tra le lavoratrici e i lavoratori. tra chi ruoterà e quindi continuerà a maturare, oltre che il salario, anche tutti gli istituti contrattuali, e chi non ruotando dovrà accontentarsi dei massimali di legge con i relativi tempi di erogazione. “SNAITECH rifiuta il confronto – conclude il segretario – noi come FIM CISL continueremo a pretendere una giustizia salariale”.

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.