Riemergono nuovi reperti, stop all’isola ecologica

LUCCA - Dagli scavi in corso in piazza San Giovanni Leonardi è emerso un tratto di mura romane: e quindi la nuova isola ecologica per il conferimento dei rifiuti non si potra più fare lì, di fianco alla chiesa di Santa Maria Corteorlandini, ma dovrà essere collocata in un'altra area della città.

-

Lo ha annunciato l’assessore all’ambiente Francesco Raspini nel corso di un incontro con i giornalisti proprio sul luogo degli scavi, tra palazzo Orsetti e la chiesa.

Dopo i primi giorni di scavo in cui erano tornate alla luce sei sepolture databili tra il XII-XIII secolo, dai successivi rilievi è emerso un sepolcreto molto più antico, probabilmente risalente al VI secolo d.C.

La scoperta rende plausibile l’ipotesi che prima della chiesa medievale vi fosse già un edificio sacro di un certo rilievo, intorno al quale si è sviluppata una necropoli.

In ogni caso l’esigenza di tutela delle murature antiche non rende possibile la realizzazione dell’isola ecologica a scomparsa in quel luogo.

Adesso inizieranno nuove indagini archeologiche in piazza San Romano, dove la Soprintendenza ha indicato a Sistema Ambiente e al Comune un’area idonea per l’eventuale realizzazione di una nuova isola ecologica.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento