Sindaco caduto, il 118: “Rispettati i protocolli operativi”

LUCCA - Il direttore del 118 Alta Toscana Andrea Nicolini replica al sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco sul caso del soccorso al sindaco di Camporgiano caduto mentre cercava funghi.

-

In merito all’intervento di un sindacato dei Vigili del Fuoco su un soccorso avvenuto in Valle del Serchio, il direttore della Centrale 118 Alta Toscana Andrea Nicolini ritiene necessario fare alcune precisazioni:

“Pur nel pieno rispetto di tutti i pareri, soprattutto di quello autorevole di un addetto ai lavori e rappresentante di una delle organizzazioni sindacali dei Vigili del Fuoco, c’è da precisare che il fatto di aver attivato due elicotteri del 118 è stato un evento determinato solo da una situazione non prevedibile. Il primo elicottero infatti, subito dopo l’attivazione ha dichiarato un’avaria ed è dovuto rientrare in base. A quel punto è stato attivato il secondo elicottero che, giunto sull’obiettivo, non ha potuto effettuare il recupero per condizioni meteo avverse. E’ stato quindi deciso il trasporto del paziente fino all’ambulanza.

Riguardo quanto affermato dal signor Todaro, non si riesce a capire, in ogni caso, in quale modo l’intervento dei Vigili del Fuoco avrebbe evitato l’attivazione dei due elicotteri.

Inoltre, è necessario sottolineare che questa Centrale Operativa 118 Alta Toscana ha rispettato i protocolli operativi in essere riguardanti l’attivazione sia del Soccorso Alpino Speleologico Toscano sia dei Vigili del Fuoco, enti con i quali collaboriamo quotidianamente al fine di offrire il servizio migliore all’utenza”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento