Ispettori del lavoro in stato di agitazione

LUCCA - Chiedono risorse tecnologiche adeguate, stipendi appropriati e più sicurezza. Sono gli ispettori del lavoro, in stato di agitazione in tutta Italia e anche in provincia di Lucca. Sede dell'assemblea e di un sit-in piazza Napoleone, davanti alla Prefettura.

-

 

Ad un anno dalla nascita dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) come ente autonomo, se pur vigilato dal Ministero del Lavoro, che riunisce funzionari ex Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ispettori INPS e ispettori INAIL, la creatura può definirsi ad oggi un esperimento fallito dicono sindacati e lavoratori.

L’esempio più lampante è quello della auto. Gli ispettori devono utilizzare le vetture personali per i sopralluoghi, rischiando spesso il danneggiamento. Ispettori, spesso donne, costretti a effettuate verifiche in aziende e cantieri da soli e non in coppia, risultando spesso oggetto di offese e minacce.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.