Poste: con il recapito a giorni alterni più di 50 esuberi in Toscana

FIRENZE - "Con il recapito a giorni alterni che partirà il prossimo 4 dicembre a Volterra, Barberino del Mugello, Manciano e Paganico, Pietrasanta e nei primi mesi del 2018 a Borgo a Mozzano, sono a rischio oltre 50 posti di lavoro". A denunciarlo sono Uilposte e Slc-Cgil della Toscana.

-

Secondo i sindacati il progetto di riorganizzazione del recapito su cui insiste Poste Italiane peggiorerà la qualità del servizio e al tempo stesso comporterà un aggravio delle condizioni di lavoro. L’azienda di fatto taglierà oltre 50 zone di recapito in Toscana, interessando complessivamente un’area di 165.000 abitanti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.