Abusi edilizi: sequestrato famoso circolo di lusso in collina

SERAVEZZA - La Polizia Municipale di Seravezza, su ordine del GIP di Lucca che ha accolto la specifica richiesta del Pubblico Ministero, ha eseguito nel pomeriggio di oggi il sequestro di gran parte di un notissimo circolo privato che si trova in una delle zone di maggior pregio delle colline versiliesi.

-

Si tratta di un immobile completamente ristrutturato negli anni scorsi, ottenendo una struttura di elevatissimo livello architettonico, con vista mozzafiato sulla costa sottostante. La struttura, di proprietà di un noto imprenditore versiliese, è stata formalmente adibita a circolo privato con finalità culturali, ma si è caratterizzata diventando famosissima per la somministrazione gastronomica che è ritenuta tra le più sofisticate dell’intera Versilia, in ambiente di alta classe. Peraltro, trattandosi di circolo privato e non di ristorante, la somministrazione veniva eseguita a quanti acquisissero la tessera di socio, i quali non esitavano a sostenere spese non proprio economiche pur di gustare le specialità degli chef del locale, in un contesto difficilmente imitabile. Il notevole successo ottenuto dalla struttura ha però suscitato le attenzioni di qualcuno che ha inoltrato un dettagliato esposto alle autorità competenti. Gli accertamenti eseguiti dal Comando Polizia Municipale di Seravezza, agli ordini del Comandante dr Mauro Goduto e con il coordinamento operativo del Vicecomandante Fabio Scollo, con l’ausilio fondamentale dei tecnici dell’ufficio ediliza del comune di Seravezza, hanno così individuato che in effetti la gran parte della superficie utilizzata per la somministrazione costituiva oggetto di abuso edilizio. In particolare, porticati chiusi lateralmente e pergolati oggetto di copertura, in modo da ricavarne locali in grado di accogliere comodamente gli ospiti. Sono in corso ulteriori valutazioni per verificare l’eventuale incidenza delle trasformazioni eseguite sotto l’aspetto della pericolosità geomorfologica.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento