Arpat: “Ecco l’area interessata dalle ricadute dell’incendio Rox”

PORCARI - L'Arpat ha fornito una mappa (nella foto) della zona interessata dalle possibili ricadute dell'incendio della Rox. Si tratta di una zona che ricade completamente all'interno del Comune di Porcari.

-

“L’incendio in particolare – spiega l’Arpat in un comunicato – ha interessato il magazzino nel quale sono stoccate le calzature commercializzate dall’azienda, mentre non sembra – al momento – che siano stati interessati altri locali dello stabilimento.

Non è stato possibile accertare l’effettiva natura della copertura del capannone andato distrutto, per questo è stato prelevato un frammento dello stesso per effettuare le opportune verifiche sulla eventuale presenza di fibre di amianto.

Le acque di spegnimento dell’incendio sono state raccolte dalla rete esistente nei piazzali dell’impianto e indirizzate verso la fognatura e quindi non c’è stata dispersione in ambiente.

Nei prossimi giorni, ad incendio concluso e con struttura edile in sicurezza, il Dipartimento Arpat di Lucca proseguirà negli accertamenti per individuare quali interventi dovranno essere prescritti al fine di gestire i materiali residui ed indagare la presenza di inquinanti dispersi dall’incendio sul territorio circostante.

Il Settore Modellistica Previsionale di ARPAT si è attivato per individuare le aree maggiormente interessate dalla possibile ricaduta delle sostanze rilasciate in atmosfera. A tal fine sono stati acquisti i dati meteo disponibili per la zona.

L’area individuata – indicata nell’immagine – è da assumersi come un’indicazione di massima, da verificare con altri eventuali elementi emersi dai sopralluoghi condotti nella zona e dalle informazioni raccolte dai Vigili del Fuoco: è comunque improntata a criteri “cautelativi” al fine di non escludere anche aree che, in realtà, potrebbero essere state interessate in misura marginale dagli effetti dell’evento”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.