Due giovani travolti da un’auto pirata in Darsena, uno è morto

VIAREGGIO - Due giovani lucchesi di 21 e 23 anni sono stati travolti da un'auto pirata sul viale Europa in Darsena a Viareggio. Il più giovane, Andrea Lucchesi, non ce l'ha fatta, l'altro è in gravissime condizioni. In mattinata i carabinieri hanno individuato l'auto e il guidatore pirata.

-

 

Sono stati travolti da un’auto pirata in questo punto, mentre stavano andando a piedi alla propria vettura, parcheggiata a qualche centinaia di metri dalla festa di carnevale da cui erano appena usciti. Un ragazzo di 21 anni è morto, l’altro, 24 anni, è in gravissime condizioni dopo un incidente stradale avvenuto domenica mattina intorno alle 4 sul viale Europa in Darsena a Viareggio.
Sono stati alcuni testimoni che hanno assisito alla scena a dare l’allarme. Sul posto in pochi minuti sono giunte due automediche e altrettante ambulanze della Misericordia Stiava e di Torre del Lago e della Croce Verde. Le condizioni dei due ragazzi sono apparse subito disperate e sono stati trasportati all’ospedale Versilia; il ventiquattrenne, F. B. le sue iniziali, residente a S. Anna, è stato portato all’ospedale di Livorno; l’altro, Andrea Lucchesi, 21 anni di San Macario, è morto mentre i medici lo stavano trasportando sull’elisoccorso Pegaso che avrebbe dovuto condurlo al nosocomio labronico.
Nel frattempo i carabinieri della Compagnia di Viareggio avevano cominciato le indagini per risalire al pirata della strada che dopo l’incidente era fuggito a tutta velocità. Alle prime luci dell’alba lo hanno rintracciato nella sua abitazione a Torre del Lago; si tratta di un ragazzo di 25 anni che era alla guida della sua Lancia Y. E’ stato portato prima al pronto soccorso dell’ospedale Versilia per le analisi del sangue per rinvenire eventuali tracce di alcol o droga. Dagli accertamenti svolti sarebbe risultato positivo all’alcool test e all’hashish. Dunque è stato interrogato presso la compagnia dei carabinieri di Viareggio diretta dal capitano Edoardo Cetola; ai militari il ragazzo avrebbe riferiro di essersi reso conto della gravità dell’accaduto. L’accusa nei suoi confronti è di omicidio stradale, oltre a lesioni personali gravissime. Nel primo pomeriggio è stato condotto nel carcere di Lucca, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Del caso si occupa il sostituto procuratore Salvatore Giannino.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.