Lucchese deve ripartire dal Garilli; urgono punti per scacciare la crisi

CALCIO C - Dopo il pareggio nell'anticipo di venerdì sera contro l'Arezzo in casa-Lucchese si prepara la trasferta di Piacenza. Al Garilli Nolè & C vanno a caccia di punti pesanti in chiave-salvezza. I rossoneri sono scivolati al quint'ultimo posto e non vincono da oltre due mesi e mezzo. Lopez prepara una squadra tosta e battagliera. Probabile debutto da titolare di Buratto.

-

Tre punti nelle ultime otto partite sono ruolino di marcia che non ha bisogno di ulteriori commenti. La Lucchese pare essersi infilata in un vicolo cieco da cui adesso non sarà così facile uscirne. Anche l’anticipo di venerdì scorso nel diluvio del Porta Elisa ha ribadito pregi ma soprattutto i limiti di una squadra che si è pericolosamente involuta e smarrita. Chiaro che rispetto ad un paio di mesi fa manca anche la tranquillità di una classifica che era ad un certo punto quasi esaltante ma che nel frattempo si è fatta piuttosto rischiosa. Basta osservare che la Pantera è pericolosamente scivolata al quint’ultimo posto e come sappiamo quest’anno le ultime quattro vanno a spareggiare per la permanenza in categoria. E a questo va aggiunto che il Pro Piacenza ha già osservato il proprio turno di riposo.

Chiaro che ci vuole una brusca inversione di tendenza altrimenti tutto diventerà tremendamente difficile. Prossimo impegno la trasferta di domenica sul campo del Piacenza di Franzini. Lopez, che dopo deu settimane tornerà a sedersi in panchina, deve fare le scelte giuste e proporre una squadra che sappia gestire il match nell’arco dei 90′ senza troppi cali di tensione, nè tantomeno distrazioni di sorta. Probabile l’impiego in mediana dal primo minuto del neoacquisto Buratto. Tra l’altro all’andata, era il 1° ottobre, il Piacenza espugnò il Porta Elisa grazie a questa rete di Christian Mora alla mezz’ora della ripresa. Una beffa per quella Lucchese che a giudizio unanime giocò una delle migliori partite del campionato. Allora mettiamola così: magari stavolta la cifra tecnica non sarà quella e il gioco meno scintillante ma importante è che arrivi un risultato positivo: per la classifica e per il morale di tutto il gruppo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.