Sgominata banda specializzata nei furti in casa

LUCCA - Sono accusate di furti in abitazione, ricettazione, favoreggiamento e simulazione di reato. Sono cinque persone di origine sinti arrestate dalla polizia al termine di un'indagine avviata quattro mesi fa e conclusa questa mattina con un blitz al campo nomadi di Maggiano.

-

 

I componenti della banda, sottoposti alla misura cautelare della custodia in carcere o degli arresti domiciliari emessa dal GIP di Lucca sono due donne e tre uomini: Monali Glaudi, 42 anni, Rejhan Asanova, 38 anni, Mauro Rossetti Busa 60 anni, Monica Satori 46 anni e Isamaele Lebbiati, 20 anni.

Al sodalizio sono attribuiti almeno sei furti in abitazione tra settembre e dicembre 2017 a Sant’Alessio, Sant’Anna e Santa Maria a Colle con un bottino complessivo tra oggetti di elettronica, monili d’oro e preziosi per svariate decine di migliaia di euro.

Il modus operandi ricostruito dalla polizia era sempre il medesimo: prima le due donne sceglievano le abitazioni effettuando un sopralluogo nella zona con la scusa di vendere fiori, dunque successivamente entravano in azione gli uomini. Per questo il questore Vito Montaruli ha sottolineato l’importanza della collaborazione dei cittadini e delle segnalazioni di movimenti sospetti.

L’indagine ha poi fatto luce su un episodio di violenza domestica consumato da Monali Glaudi ai danni della compagna Rejhan Asanova, a cui l’uomo, durante un litigio, ha fratturato il braccio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento