Lucca prima in Toscana ad avviare il recupero dei farmaci non scaduti

LUCCA - La Fondazione Banco Farmaceutico ha avviato a Lucca, primo comune in Toscana, il progetto Recupero Farmaci Validi non scaduti . Le farmacie che aderiscono all’iniziativa sono la farmacia Novelli, quella Comunale 24h e le farmacie S. Anna, Landi, Angeli e Lunardi.

-

La Fondazione Banco Farmaceutico ha avviato a Lucca, primo comune in Toscana, il progetto Recupero Farmaci Validi non scaduti . Nelle farmacie che aderiscono all’iniziativa (che sono la farmacia Novelli, quella Comunale 24h, e le farmacie S. Anna, Landi,  Angeli e Lunardi), sono stati posizionati i contenitori di raccolta in cui ognuno, assistito dal farmacista che ne controllerà la scadenza e l’integrità, potrà donare i medicinali di cui non ha più bisogno.
I farmaci donati saranno consegnati a sette enti assistenziali del territorio che si prendono cura dei poveri e che sono convenzionati con il Banco del Farmaco: Croce Verde Lucca, Amici Del Cuore, Caritas, Fraternita di Misericordia e Gruppo Fratres Corsagna, Gruppo Volontari Accoglienza, Ketuko Italia onlus, Sovrano militare ordine di Malta.
Il progetto è realizzato in collaborazione con il Comune di Lucca, Farmalucca, Farmacie Comunali, l’Ordine dei Farmacisti, Sistema Ambiente e la Asl.
Il Recupero Farmaci Validi, avviato con successo a Roma, Milano, Torino, Verona e altre città italiane, consente ai cittadini di donare i medicinali con almeno 8 mesi di validità, correttamente conservati nelle proprie confezioni integre. Sono esclusi i farmaci che richiedono conservazione a temperatura controllata, quelli ospedalieri e quelli appartenenti alla categoria delle sostanze psicotrope e stupefacenti.
Da quanto è stato avviato, nel maggio del 2013, il recupero farmaci ha consentito di raccogliere quasi 400mila farmaci, per un valore economico di oltre 5 milioni di euro.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento