Prosegue il sogno-promozione del Rugby Lucca verso la C Elite

RUGBY C - Prosegue il sogno promozione per il Rugby Lucca. La squadra rossonera ha infatti battuto tra le mura amiche il Golfo Poeti per 19-11, al termine di una sfida molto dura e combattuta. L'incontro è stato in parte condizionato dal forte vento che non ha permesso alle due squadre di esprimersi al meglio.

-

 

Lucca parte bene e passa subito in vantaggio con Pippi, ottimamente servito da Gonella. Gli ospiti però non stanno certo a guardare e cercano di rientrare subito in gara: un drop del mediano di apertura spezzino riavvicina il Golfo nel punteggio sul 5-3. Lucca però non molla e trova una nuova marcatura con Cavallo che finalizza il bel lavoro della mischia rossonera. Nella ripresa, arriva l’allungo decisivo dei locali che, grazie ad una bella azione personale di Gonella, chiudono virtualmente il discorso sul 19-3. A questo punto però, la squadra di casa ha un vistoso calo: la girandola di cambi favorisce gli ospiti che trovano nuove energie dalla panchina. Gli spezzini prima accorciano le distanze sul 19-6, con un calcio di punizione e poi trovano anche la meta con un’insistita azione di mischia. Lucca però sente vicino il successo e non concede più niente agli ospiti. Capitan Mei e compagni mantengono il possesso dell’ovale fino al termine dell’incontro, impedendo di fatto agli ospiti di rendersi ulteriormente pericolosi. La sfida si chiude dunque sul 19-11, con i rossoneri che possono esultare ancora una volta. Grazie a questo successo, la formazione di mister Matteo Giovannico mantiene il primato in classifica che varrebbe la promozione in C1. Rispetto ad altre uscite, Lucca è apparsa meno brillante ed è stata messa in grande difficoltà dagli ospiti soprattutto nelle touche. Un dettaglio su cui i rossoneri dovranno lavorare molto nelle prossime settimane. Il campionato infatti adesso si ferma per la pasqua. Alla ripresa, l’8 aprile, i lucchesi saranno ospiti del Firenze 1931 per un altro scontro di alta classifica.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.