S. Pietro a Vico, sì a nuovi parcheggi e ampliamento cartiera Cardella

LUCCA - Con l'atto di indirizzo approvato martedì scorso, la giunta del Comune di Lucca ha avviato l'iter di una variante urbanistica per la realizzazione di nuove opere a San Pietro a Vico e l'ampliamento della cartiera Cardella.

-

In particolare, è previsto l’ampliamento dell’attuale parcheggio a servizio del cimitero e della chiesa parrocchiale, la realizzazione di un nuovo parcheggio a servizio della scuola primaria, la costruzione di una rotatoria all’incrocio fra via dell’Acquacalda e via per Marlia
nell’area di congiunzione fra la cartiera Cardella e la zona di fronte al Molino Casillo. Una serie di interventi, da tempo richiesti anche dagli abitanti della zona, che miglioreranno la viabilità e la sosta all’interno della frazione di San Pietro a Vico e che saranno realizzati
dalla proprietà della cartiera Cardella, grazie alla sottoscrizione di una convenzione finalizzata a disciplinare opere o benefici pubblici, inserita in un progetto unitario convenzionato che al contempo consentirà l’ampliamento dell’impianto produttivo.
Una cartiera storica la Cardella, presente sul territorio dai primi del ‘900, che impiega ad oggi circa 100 operai e che ha rappresentato l’urgente necessità – per evitaredelocalizzazioni, con tutto quello che ne consegue in termini di occupazione e vitalità del
sistema economico lucchese – di riordinare il proprio sito in modo da renderlo più funzionale e conformarlo alle stringenti norme vigenti. Per fare questo è stata richiesta la modifica della destinazione urbanistica delle aree limitrofe all’attuale sito produttivo, aree
già di proprietà della cartiera, per una estensione di circa un ettaro, che da “aree ex progetti norma decaduti” passeranno, con la variante al regolamento urbanistico proposta, ad “aree produttive”.
Dopo questa delibera di indirizzo, l’amministrazione darà avvio al procedimento di variante urbanistica vera e propria e al relativo percorso di partecipazione da parte dei cittadini.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.