Garfagnana, scontro tra Unione Comuni e Vagli sulla tassa di soggiorno

GARFAGNANA - Dopo le proteste del sindaco Puglia, l'Unione dei Comuni della Garfagnana sospende l'applicazione della tassa di soggiorno nel comune di Vagli Sotto. Ma sottolinea che l'imposta è un'opportunità per promuovere l'offerta turistica del territorio.

-

In un comunicato, l’Unione dei Comuni spiega di aver stabilito un’imposta lieve, 1 euro a notte per un massimo di 5 notti, cche diventano 50 centesimi in bassa stagione, da ottobre ad aprile, e con diverse esenzioni.

L’imposta la devono pagare i turisti e non i cittadini e gli operatori del territorio. E tutto l’incasso, chiarisce l’Unione, sarà destinato esclusivamente alla promozione turistica del territorio e solo a quello.

Sulla questione Vagli, nel comunicato si legge che dal Comune non era mai arrivata prima nessuna nota contraria, fino all’uscita pubblica del sindaco Puglia di qualche giorno fa. E dopo questa uscita, come detto, l’Unione ha quindi deciso di sospendere l’imposta su Vagli in attesa di chiarimenti.

Dall’Unione poi parte anche una stoccata per Puglia. I dati ufficiali del 2016, si legge nel comunicato, attestano che a Vagli, nonostante i progetti nel settore, si sono registrate poco più di 2.500 presenze, contro le 29mila di Castelnuovo, le 19mila di Castiglione o le 11mila di Minucciano.

Dati che, secondo l’Unione, testimoniano l’esigenza di superare politiche autarchiche per passare ad un ragionamento di area vasta, lasciando perdere “slogan che rimangono sterile propaganda locale”.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.