Il bonifico è in arrivo, il CDA slitta all’inizio della prossima settimana

CALCIO C - Mentre i playoff entrano nel vivo la lucchese gioca un'altra partita non meno importante. Sul fronte societario slitta alla prossima settimana il previsto CDA ma il futuro patron Grassini assicura che è tutto a posto e che i soldi sono già partiti. Giovedì pomeriggio la conferma di Arnaldo Moriconi. Lopez verso l'Arezzo.

-

Gli altri continuano a giocare. Chi vince e chi perde. Si va avanti e si va fuori nei playoff che ormai sono entrati nella loro fase cruciale. Una sola andrà in B le altre si leccheranno le ferite della post-season. Già, le vicende di campo…che la Lucchese ha archiviato ormai da oltre dieci giorni e che non la vedono più protagonista. E’ invece in pieno svolgimento un’altra delicatissima partita inerente il completamento e l’espletamento delle ultime rilevanti vicende che riguardano il passaggio di proprietà del’80% delle quote nelle mani di Lorenzo Grassini. Era prevista nella giornata di giovedì l’assemblea dei soci che avrebbe dovuto ratificare anche le nuove cariche societarie. Ma tutto è slittato di qualche giorno dopo che si erano manifestati i soliti spettri ormai sbandierati talvolta con troppa facilità nel mondo lucchese. In realtà il nodo del contendere, e del ritardo, è dovuto al mancato arrivo del bonifico nelle casse di Città Digitali. Ma proprio nelle ultime ore lo stesso Grassini in prima persona ha provveduto a tranquillizzare tutti affermando che il bonifico è partito e che l’assemblea suddetta si svolgerà regolarmente lunedì o al più tardi martedì. Insomma ci siamo, o dovremmo esserci. E’ quanto si augurano i tifosi della lucchese che in questi anni ne hanno viste di tutti i colori e… di più. I sostenitori della Pantera vorrebbero sentir parlare solo di calcio, quel pallone che rotola e che fa sognare e arrabbiare. Schermi, allenatori e calciatori, magari anche bravi come ne sono passati tanti nella storia della Lucchese. In attesa che il DG Lucchesi possa tuffarsi sul mercato a proposito di tecnici Giovanni Lopez pare vicino all’Arezzo. Probabilmente quanto di buono fatto dal 51enne tecnico romano all’ombra delle mura non è sfuggito agli occhi degli addetti ai lavori.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.