Presa la banda dei furti in appartamento nella Piana di Lucca

LUCCA - Nelle prime ore di oggi, i carabinieri di Lucca hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di due cittadini albanesi, Kolaj Roland e Sejding Flori, rispettivamente di anni 37 e 26, individuati quali autori di numerosi furti in abitazione commessi nelle province di Lucca e Pistoia.

-

Entrambi sono stati tratti in arresto a Montecatini Terme, mentre ulteriori due connazionali, rispettivamente di anni 20 e 28, facenti parte del medesimo gruppo criminoso, sono indagati in stato di libertà. Uno di questi, il 20enne, colpito dalla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria è allo stato irreperibile, mentre nei confronti del secondo, dimorante in San Casciano Val di Pesa (FI), è stato eseguito un decreto di perquisizione personale che ha consentito di recuperare ulteriore materiale probatorio a suo carico. I predetti sono tutti responsabili a vario titolo di numerosi episodi di furto in abitazione, posti in essere durante lo scorso inverno, prevalentemente nei Comuni di Lucca, Capannori e Altopascio.

L’indagine ha avuto origine da un episodio di furto in abitazione posto in essere nello scorso ottobre, in Capannori, in un’abitazione all’interno della quale era presente un bimbo di tre anni, che dormiva e sul cui sonno la mamma, fuori di casa, ma a poca distanza, stava vegliando con un dispositivo ricetrasmittente. Accortasi del furto, la donna, ritornava verso l’abitazione, sorprendeva i ladri in fuga e chiedeva telefonicamente aiuto del marito, il quale rientrando a sua volta notava un’autovettura di cui riusciva ad annotare, sia pure solo in parte, il numero di targa. Grazie a questo primo spunto è stata individuata un’autovettura di interesse, nonché identificato un primo soggetto che la stessa aveva in uso, risultato essere un cittadino albanese, gravato da precedenti specifici, dimorante in Montecatini Terme.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.