Villa Santa Maria, salta l’accordo: lavoratrici in stato di agitazione

LUCCA - Ancora nessuna certezza sul futuro delle 51 lavoratrici della residenza sanitaria Villa Santa Maria, di Maggiano, che chiuderà i battenti a giugno. Al termine di una riunione con una rappresenza delle lavoratrici, i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di non sottoscrivere l'accordo prospettato dal Comune di Lucca e dalla cooperativa Proges.

-

Troppo poche le 14 assunzioni prospettate dalla Coop con l’avvallo del Comune. I sindacati chiedevano almeno la certezza di 26 assunzioni, tante quanti sono gli anziani ospiti di Villa Santa Maria che emigreranno nelle strutture della Pia Casa e di Monte San Quirico, gestite appunto dalla Proges. Nessun accordo quindi ma anzi, l’annuncio che si passerà allo stato di agitazione. Prosegue quindi lo stato di incertezza delle addette della residenza sanitaria, che non vedono ancora nessuna prospettiva lavorativa futura.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.