Da Rugani a Bartolomei, i lucchesi del calciomercato

CALCIO - Un'estate calda per il calciomercato e di mezzo ci sono anche diversi calciatori nati in provincia di Lucca. Il più quotato in questo momento è Daniele Rugani, il difensore di 23 anni di Ponte a Moriano, in forza ai campioni d'Italia della Juventus, che potrebbe andare a giocare oltremanica.

-

Negli ultimi giorni le cronache sportive hanno parlato di un forte interessamento della squadra londinese del Chelsea, dove in panchina dovrebbe sedersi il tecnico Maurizio Sarri, che ha già allenato Rugani all’Empoli. La società bianconera però non sarebbe intenzionata a far partire il centrale lucchese ed avrebbe sparato una cifra alta per privarsene, 40 milioni di euro. Vedremo.

Altro difensore, all’occorrenza centrocampista, della Lucchesìa è  Federico Mattiello, 23 anni, di Borgo a Mozzano, che ha disputato una buona stagione alla Spal ma che è di proprietà dell’Atalanta. Mattiello ha tirato i primi calci nel Valdottavo, poi è transitato dalla Lucchese e dalla Juventus prima di essere acquistato dalla società bergamasca. Adesso potrebbe passare al Bologna, in cambio dell’attaccante Federico Di Francesco.

Nell’Atalanta c’è un altro calciatore della nostra zona, il 32enne viareggino Andrea Masiello, anche lui passato attraverso la Lucchese e la Juve. Masiello ha trovato la sua consacrazione nella seconda parte della carriera. Nella stagione appena terminata è stato uno dei migliori della squadra orobica tanto che si è parlato del suo possibile ingresso nel giro della nazionale. E non è un caso che per lui ci sia l’interessamento della Lazio. Da vedere se l’Atalanta lo lascerà andare.

Infine, in serie B, quest’anno si è fatto notare il centrocampista di Valdottavo Paolo Bartolomei, 28 anni, che ha giocato anche nel Castelnuovo. Bartolomei gioca nel Cittadella ed ha siglato due belle reti nei play off contro il Bari. Per lui c’è il forte interessamento dell’Empoli, neo promosso in seria A, ma si è fatto avanti anche il Lecce.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.