La serie A1 torna a 12 squadre con le novità Empoli e Sesto S. Giovanni

BASKET A 1 DONNE - Con l'ingaggio dell'americana Bashaara Graves il Basket Le Mura Lucca ha quasi completato il roster a disposizione di coach Lorenzo Serventi. Una squadra biancorossa completamente rifondata e che punta ad essere la mina vagante del campionato che torna a 12 squadre con la ghiotta novità delle neopromosse Empoli e Geas.

-

Ora possiamo dire che il dado è tratto e che il Basket le Mura ha quasi completato il roster da mettere a disposizione di coach Serrventi e sul quale il tecnico biancorosso lavorerà alacremente e con tanta voglia dal raduno di agosto. L’ultimo ingaggio in ordine cronologico è stato quello dell’americana Bashaara Graves. Alla luce di una squadra rivoluzionata difficile fare previsioni sul ruolo che Lucca potrà recitare nel prossimo campionato. Della formidabile squadra campione d’Italia poco più di un anno fa non è rimasto nulla. Quindi. Ma nella conferenza stampa pre-estiva Serventi è stato chiaro: vuole una compagine battagliera in grado di infastidire chiunque, anche le cosiddette grandi che poi sono quattro: Schio, Venezia, Ragusa (dov’è approdata la ex-Jillian Harmon) e Napoli. Ecco, recitare con personalità il ruolo di mina vagante del torneo: si potrebbe anche fare.

Intanto il massimo campionato di basket femminile torna a 12 squadre che già è meglio della miseria di sole 10 formazioni dello scorso anno con tanto di fase ad orologio per allungare il brodo. Di fatto la post season ha detto che ci saranno ancora le magnifiche dieci del precedente torneo cui si aggiungono le due neopromosse Empoli e Geas Sesto S.Giovanni, quest’ultima gloria assoluta del basket nostrano annoverando ben otto scudetti in bacheca e dominatrice degli anni ’70. Dal punto di vista geografico lo stivale è ben rappresentato, dal nord al profondo sud: da Venezia a Ragusa passando anche da Lucca e sperando che le biancorosse murine tornino protagoniste.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.