Kme, nessun licenziamento a settembre; l’azienda va avanti con il pirogassificatore

BARGA - Nessuna intenzione da parte di Kme di avviare mobilità o licenziamenti a settembre. Ma la possibilità di prolungare gli ammortizzatori sociali è legata alla presentazione del progetto di rilancio dell'azienda.

-

 

Lo ha dichiarato la Uil al termine dell’incontro a Roma al Ministero dello sviluppo economico. All’incontro ha partecipato anche il senatore Andrea Marcucci, unico parlamentare della nostra zona accreditatosi per seguire l’appuntamento. L’azienda ha inoltre annunciato che entro agosto o settembre il progetto del pirogassificatore sarà presentato alla Regione e al Ministero.

Questo il comunicato diffuso dalla Uil al termine dell’incontro. “KME non aprirà nessuna procedura di mobilità. Nessun lavoratore sarà quindi licenziato e questa è per noi la notizia più importante emersa dal tavolo con l’azienda e i rappresentanti del Ministero dello sviluppo economico”. Cauto ottimismo quello del coordinatore nazionale della Uilm Siderurgia, Guglielmo Gambardella, e del segretario della Uilm area Nord Toscana, Giacomo Saisi, subito dopo l’incontro a Roma al Mise con la dirigenza di Kme e i tecnici del Ministero. “L’esito è stato tutto sommato positivo – ribadisce Saisi – almeno per quanto riguarda la salvaguardia dei posti di lavoro. Stiamo lavorando, inoltre, alla definizione degli strumenti da utilizzare come ammortizzatori sociali. Non è ancora certo, ma c’è la possibilità di trasformare i contratti di solidarietà in essere in cassa integrazione straordinaria in modo che dopo il 23 settembre, quando scadranno gli ammortizzatori sociali in essere, potremo chiedere una proroga di altri 12 mesi di Cigs. Le possibilità sono alte, come ha confermato il Ministero”. Confermati anche i numeri degli esuberi, 90 per lo stabilimento di Fornaci di Barga (Lucca), per i quali l’azienda andrà poi a chiedere gli aiuti a Roma. “L’azienda ha poi ribadito la volontà di andare avanti con la stesura del progetto definitivo sin qui annunciato e anche questo è un dato positivo perché la Cassa integrazione straordinaria viene concessa con maggiori probabilità se viene legata a un serio progetto di riorganizzazione e rilancio dello stabilimento. Confermato quindi il progetto di autoproduzione dell’energia elettrica tramite pirogassificatore del pulper e la creazione di una Academy sull’economia circolare in collaborazione con la Scuola S.Anna di Pisa nell’ex Centro Ricerche con importanti ricadute su tutto il territorio, in termini economici ed occupazionali. In tutto si parla di 70 milioni di euro di investimenti”. “Oggi abbiamo avuto un elemento di certezza fondamentale per gli ammortizzatori sociali allo stabilimento di Fornaci che era mancato allo scorso incontro – ha dichiarato poi Gambardella -. Non è una soluzione di prospettiva ma ci consente di gestire almeno la prima fase iniziale per la realizzazione del piano di rilancio di Kme. Gli esuberi ci sono ma se saranno confermate le previsioni di mercato e l’incremento della produzione già da quest’anno sarà possibile riassorbire ben presto alcuni lavoratori in esubero ridimensionando anche l’importo degli ammortizzatori. La prossima scadenza essenziale è quella che riguarda la presentazione del progetto definitivo: l’azienda deve portarlo entro la fine di agosto o l’inizio di settembre. Come sindacato abbiamo chiesto che Kme acceleri i tempi e il Ministero ha sostenuto la nostra richiesta: dalla presentazione e approvazione del progetto ci saranno poi 18 mesi per realizzarlo. Quindi, prima parte il piano prima possono essere riutilizzati i lavoratori. Infatti – conclude Gambardella – la società si è impegnata a utilizzare parte degli esuberi nel cantiere per il rilancio dello stabilimento e anche all’interno dell’Academy che sorgerà all’ex centro ricerche. Noi monitoreremo l’iter passo dopo passo”.

 

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.