La Lucchese rimane in serie C ma ora va ricostruita la squadra

CALCIO C - Il via libera del Consiglio Federale ci riconsegna una Lucchese in serie C. Scongiurato il pericolo di ripartire dai dilettanti adesso però va allestita di sana pianta la squadra che fra poco più di un mese (25-26 agosto) dovrà presentarsi ai nastri di partenza del campionato gravata anche da una pesante penalizzazione. E rimane la questione della cessione della società.

-

 

Dunque sarà serie C, e questa alla fine è una bellissima notizia in un periodo in cui le cose buone non si ricordavano più. La Lucchese e alla Lucchese possono tirare un sospiro di sollievo, anche i tifosi naturalmente, pur restando la situazione generale piuttosto difficile per non dire complicata. Premessa doverosa per dire in soldoni che molto, anzi moltissimo rimane da fare sulla via della normalità. Intanto dopo la meteora-Grassini tocca ancora a Moriconi gestire la vicenda societaria. Vendere o non vendere ? E a chi ? Oppure proseguire da solo magari confidando di trovare qualche socio anche di minoranza lungo la strada ? Interrogativi che saranno svelati, forse, nei prossimi giorni o nelle prossime settimane. Certo è che stavolta chiunque arrivi dalle parti del Porta Elisa sarà guardato con diffidenza com’è logico che sia dopo quanto è successo negli ultimi tempi.

E poi ci sono le questioni tecniche. In realtà la Lucchese avrebbe già a libro paga sia allenatore che vice, ovvero Menichini e D’Urso mentre è vacante il posto di D.S.. Da Viterbo giungono notizie di un Obbedio in fuga: che torni il dirigente abruzzese ? Oppure sarà di nuovo Lucchesi che ha firmato le dimissioni ma che rimane sullo sfondo e che la squadra l’avrebbe quasi pronta ? Di giocatori sotto contratto ce ne sono ben pochi e tra questi l’unico potenziale titolare è Tavanti. Insomma, una Lucchese assolutamente da ricostruire e pensare che fra un mese sarà già campionato che i rossoneri affronteranno con un pesante fardello di punti (-8 o -10) di penalizzazione. Ma al momento questo pare anche l’ultimo dei problemi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.