Il direttore tecnico di Salt: “La Bretella è sicura dal punto di vista strutturale”

MASSAROSA - Nella mattina di giovedì il sindaco di Massarosa Franco Mungai ha approfondito con il direttore tecnico di Salt alcune questioni riferite alla sicurezza della "bretella" A11-A12. Dall'incontro è emerso che Salt esegue lavori di manutenzione ordinaria per circa 18,5 milioni di euro all'anno per i tratti in concessione ( KM 155 con 160 viadotti e km 18 di gallerie), della quale fa parte la Bretella.

-

La concessione che scade il 31 luglio 2019 prevede che gli interventi straordinari vengano finanziati dalla tariffa. Da quanto affermato dal direttore tecnico le caratteristiche costruttive e le metodologie di realizzazione della Bretella, fanno si che risulti da un punto di vista tecnico una realizzazione che costruttivamente assicura una tranquillità da un punto di vista strutturale. Le carenze manutentive evidenziate negli ultimi giorni (scopertura delle armature di pilastri e solette) ancorché potenzialmente pericolose per eventuali passanti che fossero colpiti da elementi in distacco non costituiscono pericolo per la tenuta statica delle opere.

Per essere costantemente aggiornati continueremo – continua il sindaco – in ogni caso, a seguire e a chiedere informazioni alla Società, come già in passato fatto anche su altri aspetti legati alla Bretella.

Nel 2013 il comune di Massarosa presentò osservazioni al “piano di contenimento e abbattimento del rumore” presentato da SALT con le quali chiedevamo l’installazione di pannelli fonoassorbenti nei tratti a ridosso dei centri abitati per ridurre l’inquinamento acustico a beneficio dei nostri cittadini.

Speriamo che anche questi aspetti, chiude Mungai, seppur marginali rispetto alle certezze sulla sicurezza delle strutture, non vengano sottovalutati e si possa avere anche per essi risposte concrete.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.