Salvini: “Per Genova non si ripeta l’incubo prescrizione come a Viareggio”

VIAREGGIO - Basta stragi impunite. Un messaggio forte e chiaro quello del Ministro dell'Interno Matteo Salvini lanciato dalla stazione di Viareggio dove è arrivato a sorpresa venerdì nel tardo pomeriggio per un incontro lampo con i familiari delle vittime del 29 giugno.

- 1

Accompagnato dal Consigliere Massimiliano Baldini e dalla capogruppo Pacchini, il leader della Lega ha rimarcato la posizione del Governo sulla tragedia del ponte Morandi di Genova, mettendola a confronto con quanto accaduto a Viareggio.

Salvini è intervenuto anche sul processo per la strage di Viareggio.

 

Commenti

1

  1. fabio cardella


    Un giorno ho avuto la possibilita’ di scambiare quattro chiacchiere con un politico piuttosto noto dalle mie parti e che purtroppo non e’ piu’ tra noi. Ridendo e scherzando di vari argomenti la discussione cadde sull’onesta’ dei politici. Egli mi disse: “per essere buoni politici e fare l’interesse dei cittadini non basta essere onesti; bisogna anche essere liberi. Per occupare una carica politica anche di scarsa importanza in un anonimo comune, qualcuno (almeno nella maggior parte dei casi) deve aprirti la porta. Altrimenti tu non entri. Tu dovrai riconoscenza a questo qualcuno. E le tue scelte terranno conto non soltanto dei bisogni dei cittadini, ma anche del suo volere. Questo in un comune qualunque. Immagina arrivare LASSU’ nel posto piu’ alto. Quante porte ti devono essere aperte da mani “amiche”. L’unica cosa che puoi augurarti è che il tuo padrone non sia eccessivamente cattivo e che ti lasci un po’ di libertà”. Ripensando a queste sue parole, credo di aver trovato la spiegazione del perche’ esista quella tecnica schifosa che si chiama “PRESCRIZIONE”, cioe’ quella procedura che permette al delinquente di non pagare per i suoi crimini, che fa stare tranquilli quei rappresentanti delle istituzioni che permettono abusi edilizi, che si fanno corrompere, etc. tanto quando li scoprono tutto sara’ prescritto. Ne sono esempi le tragedie THYSSEN (SETTE OPERAI MORTI) E LA STRAGE DI VIAREGGIO. Tutto prescritto o a rischio prescrizione. Un premio per essere riusciti ad evitare la giusta condanna. La prescrizione non dovrebbe esistere. Chi commette un reato deve pagare, anche dopo 50 anni. Ma se un politico onesto propone di eliminare questo schifo, i suoi “Padroni” non lo permettono. Perche’ puo’ servire a loro o agli amici degli amici. E anche nella tragedia di Genova, quando scopriremo eventuali responsabili, forse i processi si allungheranno fino alla schifosa prescrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.