Incendio devasta il versante pisano del Serra; canneto in fiamme a Bozzano

CALCI - Il presidente Enrico Rossi ha firmato lo stato di emergenza regionale per il rogo che dalle 22 di lunedì sera sta devastando il versante pisano del Monte Serra, in particolare nel comune di Calci, al momento sono oltre 700 gli ettari di bosco andati in fumo.

-

Sul posto si sono recati anche gli assessori regionali Federica Fratoni e Marco Remaschi. La Protezione civile regionale, assieme al Comune di Calci, ha provveduto all’evacuazione e alla messa in sicurezza di numerose abitazioni minacciate dalle fiamme.

Al momento sono state evacuate le frazioni di Montemagno, Fontana Diana, San Lorenzo, Nicosia, Crespignana, Zambra e Caprona per un totale di oltre 700 sfollati.

Da questa notte, inviate dalla Protezione civile regionale, stanno operando 180 squadre antincendio, 50 uomini del volontariato e operai forestali, coordinate dal Comune di Vicopisano. Presenti sul posto anche 109 squadre dei vigili del Fuoco provenienti anche dai comandi di Lombardia, Emilia Romagna ed Umbria.

Sono stati attivati tre punti di accoglienza alla palestra della parrocchia di Calci, al circolo ricreativo di Campo e alla palestra di Vicopisano. Il vento per tutta la mattina ha soffiato fortissimo, con raffiche oltre i 40 chiloetri orari rendendo quasi impossibili le operazione di contenimento delle fiamme.

Cinque Canadair sono già operativi, mentre 4 elicotteri antincendio della Regione sono potuti decollare solo nel primo pomeriggio a causa del forte vento. Impiegato anche un elicottero Eriksson partito da napoli Capo di Chino ed un elicotteri Chinook.

Intanto il Codacons provinciale di Pisa ha messo a disposizione una taglia di 2000 euro per chiunque fornisca indicazioni utili alla cattura del piromane che ha provocato il rogo.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.