Affitti in nero, maxi operazione delle Fiamme Gialle

PROVINCIA DI LUCCA - La Guardia di Finanza ha concluso due indagini economico-finanziarie, denominate MATRIOSKA e E-VADO IN VACANZA, che hanno visto i finanzieri effettuare oltre 110 controlli fiscali tra proprietari immobiliari, agenzie di mediazione e società di locazione. Scoperti oltre 17 milioni di euro di ricavi non dichiarati. Denunciate 12 persone.

- 1

I furbetti degli affitti in nero nel mirino della Guardia di Finanza provinciale. Nella caserma Giacomo Puccini sono stati illustrati i risultati di due distinte operazioni condotte sia dalla compagnia di Lucca che da quella di Viareggio. Per quanto riguarda la Versilia, l’operazione denominata “Matrioska” si è concentrata sul territorio di Forte dei Marmi, portando alla luce, dopo due anni di indagini, un giro di affitti in nero di ville di lusso, con canoni di locazione anche superiori ai 350 mila euro a stagione dei quali venivano però dichiarate solo minime parti. Industriali, VIP e anche ex giocatori di calcio sono stati coinvolti nell’inchiesta, oltre a numerose società di intermediazione immobiliare.

L’altra operazione, condotta dalla compagnia di Lucca, era invece indirizzata verso le strutture ricettive come bed and breakfast e case vacanze. In questo caso i controlli incrociati, anche con le banche dati dei siti di annunci l’analisi dei flussi finanziari dei proprietari degli immobili, estesa anche ai loro familiari, hanno permesso di constatare e individuare anche strutture ricettive operanti o gestite completamente “in nero”. Un problema non solo legato all’evasione fiscale, ma anche alla sicurezza.

In tutto, le due operazioni, hanno portato alla denuncia di 12 persone e all’individuazione di oltre 17 milioni di euro evasi all’erario. I controlli da parte delle fiamme gialle lucchesi continuano in maniera intensiva anche in questo periodo, con particolare attenzione agli affitti in occasione dei Comics, anche per quanto riguarda i temporary store.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

1


  1. perche non andate a far visità negli uffici della bonifica toscana nord 1? ci entrano tanti milioni di contributi + il contributo volontario, che tanti lo pagano, come vengono spesi,bonificando la freddana, mettendo il freno nei canali della garfagnana per rallentare le acque, per sistemare limpianto idrico in pineta di viareggio,sfondando e allargare i fossi sia privati e non, circolare con gli scavatori lungo i fossi è unabuso, , la legge del 1904 dice ogni proprietario o affittuario deve tener pulito dalle erbe le sponde dei fossi, col falcione ora il frullino, perche tutti gli anni le acque in mare son inquinate, la bonifica due volte lanno passa con loscavatore e sfonda i fossi dove score le acque dei depuratori, e cosi fascendo fa arivare le acque inquinate in mare,assegna i lavori senza fare le aste, ce unimpresa che da parecchi anni lavora con la bonifica e cia un conflitto dinteressi.io sono a vostra disposizione ma qui a casa mia,poi saprete il motivo
    .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.