Azimut Benetti, anche la produzione va verso Livorno

VIAREGGIO - Il colosso della nautica Azimut Benetti muove un altro passo verso Livorno. Dopo il trasferimento degli uffici amministrativi, quello della produzione sembra ora inevitabile.

-

Il colosso della nautica Azimut Benetti muove un altro passo verso Livorno. Dopo il trasferimento degli uffici amministrativi, quello della produzione sembra ora inevitabile. Una conferma che pesa come un macigno per il mercato interno della nautica. E’ quanto emerso dall’incontro tenutosi tra le organizzazioni sindacali e la direzione dei due rami d’azienda, Azimut e Benetti. I sindacati Fiom Cgil e Uim Uil Area Nord Toscana tornano  all’attacco a difesa del comparto produttivo viareggino: “Mentra per il marchio Azimut – spiega – ci sono buone premesse produttive tali da garantire una crescita per Viareggio, per il versante ‘storico’, ovvero Benetti, ci sono più incertezze che rassicurazioni.  Il numero di imbarcazioni da costruire a Viareggio sia per qualità che per modelli risulta ridotto al lumicino e la direzione ci ha comunicato che intende spostare buona parte della produzione a Livorno, sito oggi sostanzialmente occupato, in termini di spazi e di maestranze, dalla realizzazione dei cosiddetti giga yachts”. Quello che più allarma i sindacati è l’intenzione dell’azienda di spostare a Livorno la produzione storica viareggina delle imbarcazioni in vetroresina. “Un chiaro segnale – commentano – della volontà di smantellare nei prossimi tre anni la produzione, a livello sostanziale, e con essa le professionalità che hanno la storia di Viareggio nel mondo. A gennaio – concludono i sindacati – cercheremo di aprire un nuovo tavolo di sviluppo con la Regione Toscana per chiarire gli obiettivi dell’azienda. Ne va di migliaia di posti di lavoro e di decine di imprese del nostro territorio e della nostra regione”.

 

 

 

 

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.