Concessioni balneari, primo tavolo a Livorno tra sindacati e imprese

‘La proroga di 15 anni per le concessioni non basta. La situazione delle imprese balneari, ad oggi, è rimasta invariata. Non sono aumentate le richieste di acquisto. L’interesse c’è sempre stato, si devono individuare i soggetti giusti".

-

‘La proroga di 15 anni per le concessioni non basta. La situazione delle imprese balneari, ad oggi, è rimasta invariata. Non sono aumentate le richieste di acquisto. L’interesse c’è sempre stato, si devono individuare i soggetti giusti”. A dirlo è Graziano Giannessi, presidente regionale del sindacato italiano balneari. Oggi a Livorno si è tenuto il primo tavolo, dopo l’approvazione della proroga, convocato da Confcommercio Toscana.

La proroga secondo  Giannessi, è solo un primo passo. Il percorso di concertazione iniato oggi deve avere l’obiettivo di portare alla luce le vere problematiche, soprattutto di natura economica,  che oggi si trovano ad affrontare le aziende balneari.  Una realtà che, secondo il sindacato, oggi è ancora sconosciuta. Bisogna affrontarla per capire che quello dei 15 anni è un grosso limite temporale per le aziende che hanno bisogno di attuare piani a lungo termine.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.