Il saluto dell’Arcivescovo Castellani, arriva Monsignor Paolo Giulietti. Intervista esclusiva

LUCCA - Incontro oggi in Arcivescovato, voluto da Monsignor Italo Castellani. Al centro dell’appuntamento la comunicazione del successore del vescovo di Lucca. Si tratta di Monsignor Paolo Giulietti, che ricopriva il ruolo di vescovo ausiliare di Perugia. Mons. Paolo Giulietti ha 55 anni essendo nato a Perugia il 1 gennaio 1964. Questa sera alle 20 su NoiTv Versilia e alle 21 a Lucca intervista esclusiva a monsignor Castellani

-

All’incontro all’Arcivescovato di Lucca, voluto da Monsignor Italo Castellani per dare la comunicazione del nome del suo successore Monsignor Paolo Giulietti, hanno partecipato – oltre a moltissimi preti – il presidente della Provincia Luca Menesini, il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini oltre alle autorita’ principali delle forze dell’ordine provinciali. Alle 12 in punto – cosi’ come stava accadendo a Perugia – Monsignor Castellani ha pregato con la sala e poi, commosso, ha annunciato il ome del suo successore sciogliendo il segreto Pontificio. Italo Castellani fu nominato vescovo coauditore il 31 maggio 2003 da papa Giovanni Paolo II. Prese poi il posto di Bruno Tommasi il 22 gennaio 2005 dopo il raggiungimento dei limiti di età del suo predecessore. A norma di diritto canonico Castellani aveva presentato le sue dimissioni lo scorso 20 giugno in attesa delle decisioni di Papa Francesco. Sul nome del successore erano state fatte molte ipotesi. Castellani e Giulietti si conoscono da molti anni: “Abbiamo fatto un percorso insieme nella Cei  – ha spiegato Castellani – lui guidando la Pastorale Giovanile, io quella Vocazionale. Lo conosco bene e ho avuto modo di apprezzare il suo operato e il suo pensiero. Questo passaggio lo vivo in maniera davvero serena e naturale anche come percorso di fede. Ero fra gli altri Vescovi a imporre le mani durante la Consacrazione Episcopale di Monsignor Paolo avvenuta a Perugia. Credo sia un segno di continuita’”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.