Non truffarono l’Ascit, assolti dieci dipendenti

CAPANNORI - Assolti perchè il fatto non sussiste. Si è concluso così il processo a carico di dieci dipendenti dell'Ascit, l'azienda che gestisce i rifiuti a Capannori, che erano stati accusati di essersi approvvigionati di gasolio per uso personale, facendo però risultare il rifornimento a carico dell’Ascit.

-

I fatti risalgono al 2015 e le indagini furono condotte dai carabinieri. Al termine dell’inchiesta, che venne denominata “Full Gasoline”, i dipendenti vennero accusati di truffa aggravata. Due di loro hanno patteggiato mentre per altri dieci il processo, durato tre anni, si è concluso appunto con l’assoluzione.

Al di là della soddisfazione per il ristabilimento della verità e la proclamazione di innocenza – ha dichiarato l’avvocato Lodovica Giorgi –
resta impagabile il danno cagionato da accuse superficiali e frettolose, profondamente lesive della dignità ed onorabilità delle persone degli indagati e della loro stessa salute.

Gli ormai ex imputati, ha aggiunto l’avvocato, valuteranno se intraprendere azioni risarcitorie nei confronti di quanti hanno concorso a mortificare per oltre cinque anni le loro esistenze.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.