Pietrasanta città dei fiori d’arancio anche per gli stranieri

PIETRASANTA - In un momento in cui gli italiani sono sempre meno propensi a pronunciare il fatidico “Sì, lo voglio”, Pietrasanta inverte la tendenza registrando un boom di matrimoni

-

Sono il 40 per cento in più, in due anni, le celebrazioni nelle case comunali. Se nel 2016 sono state 49 le coppie che hanno deciso di sposarsi nelle location istituzionali del Comune di Pietrasanta – la più gettonata è la sala del consiglio seguita dal Chiostro, dal pontile e dalla novità della spiaggia – il 2018 si è chiuso con un vero e proprio exploit: 69 riti civili.

Ma il fatto ancora più eclatante è che la metà delle coppie che hanno scelto lo sfondo di Pietrasanta per il giorno più importante della vita siano straniere. Tredici sono i matrimoni celebrati nel mese di dicembre dello scorso anno, periodo prediletto insieme alla primavera per cui fioccano già le prenotazioni e le richieste. A fornire questi dati è l’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti. .“Non era mai successo fino ad oggi. – commenta il sindaco – Pietrasanta punta a diventare sempre di più la città dei fiori d’arancio per rafforzare il turismo e valorizzare luoghi e scenografie, dal litorale alla collina, ma anche tutti il sistema economico legato alla filiera del matrimonio, dall’abito alla ristorazione passando per l’accoglienza e i servizi ad essa legati”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.