Quattro rapine in un mese armato di spray al peperoncino: arrestato

VERSILIA - Minacciava i commercianti con una pistola carica di spray al peperoncino e con un coltello per poi fuggire con i soldi che gli sarebbero serviti per pagare la droga

-

Minacciava i commercianti con una pistola carica di spray al peperoncino e con un coltello per poi fuggire con i soldi che gli sarebbero serviti per pagare la droga. Con lo stesso modus operandi in un mese aveva messo a segno quattro rapine, per un bottino di circa duemila euro. Fino alla notte di sabato scorso, quando i carabinieri di Lido di Camaiore lo hanno fermato mentre tornava a casa in bicicletta e lo hanno arrestato. In manette è finito Simone Nario, 38enne viareggino, già conosciuto alle forze dell’ordine per questioni legate al mondo della droga, e che ora deve rispondere di tre rapine perpetrate e una tentata, ai danni di diverse attività commerciali. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’uomo è stato rintracciato  grazie alle segnalazioni fornite da alcuni cittadini subito dopo i colpi. Il primo risale al 4 dicembre 2018 ai danni di un fast food di  Lido di Camaiore dove il malvivente si è fatto consegnare circa 200 euro in contanti per poi darsi alla fuga. Il giorno dopo aveva provato a rapinare una paninoteca di Lido di Camaiore, dove, con il volto travisato e sempre con le stesse modalità era stato costretto alla fuga dai proprietari che sono riusciti a reagire e a cacciarlo dal locale. Poco lontano nella stessa sera ha rapinato  una ragazza mentre saliva nella propria auto parcheggiata in via del Fortino. L’ha avvicinata a volto coperto e, sempre armato di spray al peperoncino,  l’ha minacciata facendosi consegnare la borsa. L’8 dicembre l’uomo era tornato in azione e con il volto coperto da un passamontagna aveva messo a segno un’altra rapina in un discount di Viareggio, riuscendo a rubare 1200 euro in contanti. Messo alle strette dagli inquirenti il rapinatore seriale ha ammesso i colpi: “Dovevo comprare la droga” , ha confessato.  Per queso motivo il giudice gli ha concesso gli arresti domiciliari in una comunità terapeutica di recupero.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.