Maltempo: paura per la piena del fiume Versilia

VERSILIA - E' stata una lunga notte di paura in Alta Versilia e sulla costa: la pioggia incessante è caduta con violenza dalle 17 alle 3 di notte provocando frane e allagamenti sparsi soprattutto nelle zone montane e nella campagna tra Pietrasanta a Camaiore.

-

Così si presentava il fiume Versilia a Seravezza poco prima delle 20, alla confluenza: una piena spaventosa che ha riportato alla mente per molti la tragica alluvione del 1996. Per fortuna, complice la lenta diminuzione delle precipitazioni, i danni sono stati limitati.

La situazione più critica a Riomagno, sulla montagna seravezzina, dove quattro famiglie nella notte sono state evacuate dalle loro case per una grossa frana che ha invaso un’abitazione. Nessuno è rimasto ferito.

Altre frane sulla viabilità di Stazzema, dove alcune frazioni sono rimaste isolate, ma solo fino al mattino. Situazione simile sulle colline di Massarosa e di Camaiore, in particolare alla Culla e a Greppolungo, per massi e piante cadute in strada ma prontamente rimosse.

A Camaiore capoluogo sono caduti 90 mm di pioggia. A Strettoia ben 93.4: non pioveva così da tre anni. Mobilitate le forze della Protezione Civile e del Consorzio di bonifica, attivo soprattutto tra Capezzano e Pollino per posizionare sacchi di sabbia e monitorare i canali con idrovore. Anche il sindaco di Pietrasanta Giovannetti in mattinata ha eseguito un sopralluogo per verificare la situazione sul territorio: per fortuna senza criticità, grazie anche al lavoro fatto sulla rete idraulica nei mesi scorsi.

Acceso l’impianto idrovoro della Bufalina, per tenere sotto controllo il Lago di Massaciuccoli, salito a 26 centimetri sopra il livello del mare.

Si guarda alle previsioni adesso: il tempo sarà ancora piovoso per tutta la giornata di domenica, ma con fenomeno previsti in sostanziale attenuazione.

 

 

 

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.